Rivalta di Torino

Il Comune di Rivalta conta circa 20.000 abitanti ed è collocato a sud‐ovest di Torino, tra il torrente Sangone e la Collina Morenica. Nonostante sia un borgo di antica fondazione, che comprende il monastero (XI secolo), il castello (XII secolo) e la cinta muraria del ricetto medievale, è cresciuto attorno al capoluogo piemontese negli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso in seguito alla rilocalizzazione della grande industria automobilistica di Torino. Il Comune ha un territorio composto da insediamenti sparsi, che in alcuni casi, come le frazioni di Pasta, Tetti Francesi e Gerbole, sono separati l’una dall’altra da ampie aree non urbanizzate. La pianificazione urbanistica non è stata in grado di controllare questo sviluppo, legittimando un modello insediativo disperso (sprawl) che si è irraggiato sul territorio circostante a partire dalle frazioni di Pasta, Tetti Francesi e Gerbole, mentre il nucleo storico è rimasto semi abbandonato.

Il Piano Regolatore Generale Comunale (PRGC) del 1995, prevedeva un aumento della popolazione residente da 14.684 a 24.000 abitanti e delle superfici per le varie attività insediative da 741.002 mq a 1.247.535 mq. Questa fiducia nelle dinamiche fortemente espansive motiva anche le successive varianti fino al Piano vigente (2011). Si tratta di un piano improntato al consumo di suolo e allo sviluppo edilizio come stimoli della crescita economica, strumenti per attirare denaro nelle scasse del comune ma che, oltre a distruggere una risorsa non rinnovabile come il suolo, appaiono ingiustificabili a fronte della staticità delle dinamiche demografiche e della crisi del mercato immobiliare.

A partire dallottobre del 2012 la nuova Giunta ha avviato un processo di studio e di revisione del PRGC finalizzato alla riduzione del consumo di suolo e alla tutela del paesaggio. Sono state approvate alcune varianti per eliminare strade che tagliavano aree agricole, è stato reso più facile il riuso dei capannoni industriali inutilizzati, è stato lanciato un bando pubblico per proporre ai proprietari di rinunciare ai diritti edificatori cui hanno aderito una decina di proprietà per un totale di circa 30.000 mq. di superficie fondiaria. Inoltre è stato modificato il Regolamento edilizio, eliminando norme come quella che permetteva di realizzare sottotetti ufficialmente non abitabili, ma nei fatti ampliamento della Superficie lorda di pavimento (SLP).

[{"nome":"Rivalta di Torino","coords":"45.034045,7.518419"}]

Indirizzo
Via Balma, 5

Provincia
TO

CAP
10040

Referente
Mauro Marinari, sindaco

Telefono

Sito web
http://www.comune.rivalta.to.it/

Email
sindaco@comune.rivalta.to.it