Sono nata a Sestri Levante nel 1971. Sono sposata con Roberto, ho due figli, Sofia e Francesco.

Laureata in lettere all’Università di Genova e specializzata in politiche del lavoro e orientamento professionale, ho lavorato prima nella cooperazione sociale e poi nella progettazione di interventi e servizi a supporto dell’occupazione femminile e anche di fasce deboli, oltre che di gestione di progetti europei. Questo è il mio secondo e ultimo mandato come sindaca di Sestri Levante.

Come sindaca ho sempre lavorato con un approccio votato alla coesione della comunità che amministro, in tutte le sue diverse anime. Ambiente e sostenibilità, rigenerazione urbana partecipata, politiche sociali, turismo e sviluppo economico, cura del territorio sono gli ambiti su cui si è focalizzata maggiormente la mia attività. Il lavoro che abbiamo portato avanti si basa su un sistema di azioni integrate e collegate, in cui ogni intervento è parte di un progetto per il continuo miglioramento della città.

Negli anni, con la collaborazione di tutta la giunta, ho impostato un nuovo sistema per la raccolta rifiuti che ha portato Sestri Levante dal 32 a oltre il 75% di raccolta differenziata, creando un Mercato del riuso cittadino per il riciclo consapevole degli oggetti, unica esperienza di Liguria, che ha consentito di sottrarre a discarica oltre 262 mila kg di oggetti e ho chiuso la discarica cittadina. In questi anni è stata implementata la rete ciclabile cittadina, che ora conta circa 5 chilometri di piste ciclabili e sono stati realizzati importanti interventi di riqualificazione energetica nelle scuole e in diversi edifici pubblici. Abbiamo attuato con un processo di partecipazione cittadina la rigenerazione di quartieri, la creazione di una rete di parchi urbani con la realizzazione di due nuovi parchi, in particolare il nuovo parco urbano Nelson Mandela che ha contribuito ha de-cementificare la città, trasformando 200 metri di asfalto in prato. È stato portato avanti un lavoro di valorizzazione dei parchi già esistenti favorendo la nascita di associazioni di quartiere, che se ne prendono cura.

Credendo fortemente nell’approccio partecipativo ho creato il Tavolo delle solidarietà, per sviluppare una rete coesa di sostegno e ho avviato il progetto dei “custodi sociali”: persone a cui abbiamo dato una soluzione abitativa in cambio di azioni di cura del quartiere.

Sestri Levante è un comune fortemente turistico, che abbiamo deciso di gestire con la Conferenza del turismo, che unisce l’amministrazione comunale ai rappresentanti degli operatori economici attivi nel settore, pratica innovativa che ha consentito di attuare politiche di promozione e gestione dei flussi turistici condivise e maggiormente efficaci. Turismo sì, ma non solo: infatti all’inizio del mio prima mandato ho lavorato per la creazione del Polo tecnologico nella Baia del Silenzio, con l’obiettivo di provare ad arginare la fuga dei nostri talenti: attualmente ospita 9 imprese attive nel settore dell’innovazione. Ultima, sicuramente non per importanza, una costante progettazione orientata alla messa in sicurezza del territorio e a percorsi di resilienza sia attraverso la sistemazione di situazioni già esistenti che attraverso importanti interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico.

Sono tanti i progetti su cui mi sono impegnata in questi anni: nonostante la fatica ogni tanto si faccia sentire, la spinta a lavorare a nuove sfide non mi manca mai. Vedere la città crescere, cambiare in positivo, sempre più verde e sostenibile è la benzina che alimenta la mia voglia di spingere l’asticella sempre un pochino più in là.


Vota Valentina Ghio

Ogni indirizzo email può esprimere una sola preferenza. Riceverai un messaggio di conferma all'indirizzo specificato, contenente un link per confermare la preferenza. Le preferenze prive di conferma non verranno conteggiate.
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.