Nuove auto elettriche per il Parma Car Sharing

Grazie a un finanziamento del Ministero dell’Ambiente il parco auto del Parma Car Sharing si arricchisce di due nuove auto elettriche Renault ZOE per un totale di 13 auto, dislocate in 11 punti della città. Le nuove auto elettriche potranno essere prelevate dalla postazione “Efsa” e “Stazione”, avranno un’autonomia di circa 170 Km e grazie alla tessera presente sul mezzo potranno essere facilmente ricaricate collegandole alle colonnine installate nel Comune di Parma.

“L’inserimento nella flotta Car Sharing di auto ad impatto zero – spiega l’Assessore Gabriele Folli – è un ulteriore tassello verso una mobilità più sostenibile offerta ai cittadini di Parma a cui si aggiungeranno entro l’anno 5 nuove infrastrutture di ricarica elettrica e 18 auto elettriche che andranno a servizio della flotta comunale per i settori tecnici e per la Polizia Municipale”.

Ricordiamo che il Parma Car Sharing è un nuovo modo di muoversi per chi vuole avere un’auto a propria disposizione senza dover sostenere i costi di acquisto, manutenzione e assicurazione. E’ un servizio comodo ed economico.

Promozioni: chi ha la partita IVA fino al 31 luglio 2015 potrà accedere gratuitamente al servizio per tre mesi, pagando solo i costi di utilizzo. I privati che vogliono cambiare auto possono approfittare fino al 31 agosto 2015 della promozione rottamazione che da diritto all’iscrizione gratuita al servizio e a 600 euro utilizzabili sui chilometri percorsi.

Per guidare le auto del Parma Car Sharing basta attivare l’abbonamento che attraverso la tessera Mi Muovo permette di utilizzare le auto che sono sempre a disposizione 24 ore su 24. Possono accedere al servizio tutti coloro che sono in possesso di una patente di guida in corso di validità da almeno 12 mesi.

I vantaggi del Parma Car Sharing: si può utilizzare l’auto anche solo per un’ora, si può circolare liberamente nelle ZTL, parcheggiare gratis sulle strisce blu e bianche e blu, è possibile percorrere le corsie preferenziali degli autobus e dei taxi.

Per maggiori informazioni www.infomobility.pr.it   – Facebook – Twitter