La Storia

L’iniziativa “Per un nuovo accordo Quadro Anci Conai” è stata lanciata nel luglio del 2013 in vista del rinnovo dell’accordo quinquennale in scadenza tra l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) e il Consorzio Nazionale Imballaggi Conai.
L’accordo regola l’entità dei corrispettivi da riconoscere ai Comuni convenzionati per i “maggiori oneri” della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio. Le modalità di funzionamento e le procedure che caratterizzano le convenzioni tra comuni e consorzi sono invece riportate negli allegati tecnici dei 6 Consorzi di Filiera rappresentativi dei materiali utilizzati come materie prime per la produzione di imballaggi (acciaio, alluminio, carta, legno, plastica vetro).
Il primo obiettivo della campagna è stato quello di mobilitare gli enti locali affinché il nuovo accordo non ricalcasse quello in scadenza (rivelatosi penalizzante per gli enti locali),  ma che contenesse tutte le modifiche e novità necessarie per  supportare nei comuni un servizio di raccolta differenziata di qualità e ridurre al contempo i costi ai cittadini. Attraverso la presentazione di uno specifico Dossier, redatto in collaborazione con E.S.P.E.R. l’Associazione Comuni Virtuosi ha indicato, motivandole,  alcune proposte da portare all’interno delle trattative per il nuovo accordo quadro.

LE ADESIONI
Le proposte sono state sottoscritte da oltre 220 comuni 4 consorzi per un totale di oltre 4.500.000 cittadini rappresentati. Il dossier e le sue principali proposte sono state oggetto di ben due interrogazioni parlamentari: la prima il 30 luglio 2013 da parte degli onorevoli PD Civati e De Menech e la seconda il 19 dicembre da parte degli onorevoli Nuti e Vignaroli del Movimento 5 stelle.
Un membro dell’ACV ha partecipato agli incontri preliminari di tavolo tecnico all’interno della Commissione Anci Ambiente per dare un contributo alla discussione e per fare si che le proposte più rilevanti diventassero punti irrinunciabili del nuovo accordo quadro.

Interrogazione_anci_conai_2013

RISCONTRO SUI MEDIA E SOCIAL

L’impatto comunicativo dell’iniziativa, sia come  uscite sui media nazionali e locali, che come riscontri e coinvolgimento avvenuti sul web e social media, è stato decisamente positivo ed è andato ben oltre alle più rosee aspettative. Oltre ad esponenti politici locali sono stati coinvolti dall’iniziativa anche numerosi movimenti di cittadinanza attiva su tutto il territorio. Il tutto nonostante la complessità dell’argomento alla base dell’iniziativa, che rispetto ad altre campagne attinenti ai rifiuti, implicava un particolare impegno di approfondimento.

L’ESITO

Purtroppo la trattativa tra Anci e Conai,  che si è conclusa con la sottoscrizione dell’accordo in corso 2014-2019 nell’aprile del 2014 non può essere considerato “migliorativo” rispetto ai precedenti quanto piuttosto “conservativo” perché non modifica quegli assunti che sono la causa delle criticità attuali del sistema. Il grande impegno profuso dall’associazione e dai comuni, consorzi e altri soggetti che hanno condiviso i temi portanti di questa iniziativa non è stato, purtroppo premiato. Come potrà uno strumento che appare sempre più inadeguato supportare economicamente la RD degli imballaggi e il perseguimento degli obiettivi di riciclo ? Come potranno i Comuni continuare a sostenere i costi per la RD con risorse economiche sempre più scarse? I comuni, con poche eccezioni, si trovano ad affrontare un’escalation delle criticità ambientali economiche e sociali senza disporre dei mezzi economici e competenze necessari. Il tutto aggravato dalle problematiche conseguenti all’eliminazione delle provincie che in molte regioni sta causando, anche nella gestione dei rifiuti, rimpalli di responsabilità, confusione e sospensione dei finanziamenti. Prosegue su queste pagine l’opera di informazione e monitoraggio sull’argomento e su questioni correlate come: raccolta differenziata, indotto del riciclo, green o circular economy, eco design, imballaggi, etc.
Sono graditi allo scopo commenti e segnalazioni che possono esseri inviati a : adesioni@comunivirtuosi.org

Condividi